Nella stagione fredda, le malattie virali, quali l’influenza stagionale, il raffreddore e anche quelle batteriche come otiti, sinusiti, rinosinusiti favoriscono spesso l’accumulo di muchi e di catarro nelle vie aeree superiori. Quando questi si localizzano nell’apparato uditivo si possono determinare tra l’altro anche cali di udito.

Chi ha già fatto un controllo dell’udito e conosce il proprio stato di salute è avvantaggiato rispetto a chi ignora questo dato.

Chi non ha fatto il controllo dell’udito è invitato nella stagione fredda a farlo.

Biofonic da anni persegue la politica dei controlli gratuiti dell’udito.

Udito: cosa prevede il controllo

1) un’otoscopia per verificare la possibilità di eseguire la misurazione successiva in assenza di tappi di cerume, muchi catarrali, infiammazioni del condotto uditivo esterno, ecc.

2) la valutazione uditiva di cui viene data copia al paziente in modo che possa mostrarla al curante e tenerne memoria.

Dal controllo dell’udito il medico curante riceve informazioni sullo stato di salute dell’orecchio e dell’udito in modo da poter indirizzare eventuali approfondimenti diagnostici e terapeutici.

Esso non è finalizzato all’acquisto di una soluzione acustica ma il suo compito principale è di aiutare il medico a fare una diagnosi corretta e a somministrare una conseguente terapia ed il paziente a prendere coscienza del proprio stato di salute uditiva.